In questo numero
  Arretrati
  Speciale
 
Approfondimenti!
cambiare adsl
 
 

Truffe Online

Le mille insidie del Web

Chi pensa di essere al riparo dai mille pericoli del Web dovrà ricredersi quando scoprirà quanti modi di spillare soldi ai surfer esistono. Dalle catene di e-mail al collegamento a numeri intercontinentali, dalla ricezione di Sms che promettono ricariche per il cellulare alla "compravendita" dei dati personali. Prima o poi tutti rischiano di essere punzecchiati da uno dei tanti ragnetti velenosi che scorrazzano in Rete.


Che numero!

Una delle truffe più subdole, costose e, purtroppo, diffuse, è quella dei temutissimi re-router, noti anche come dialer. Si tratta di piccoli file eseguibili che vanno ad installarsi sul Pc in modo spesso fraudolento mentre navighiamo in Internet e modificano le impostazioni del computer. Quando ci colleghiamo alla Rete, l’accesso remoto - cioè il programma che ci permette, attraverso una telefonata, di “sbarcare” su Internet - è impostato col numero del provider. Se, più o meno consapevolmente, scarichiamo un dialer, il Pc non utilizza più il numero preimpostato, ma si collega utilizzando recapiti intercontinentali o, peggio ancora, uno dei famigerati e costosissimi 166 o 899. Considerando che un minuto di connessione può, in questi casi, arrivare a costare anche 2,50 euro, è del tutto evidente quanto sia grave il rischio dei dialer. Non sono poche, purtroppo, le famiglie italiane che si sono viste recapitare bollette astronomiche, magari perché il piccolo di casa ha scaricato qualche suoneria. Le associazioni dei consumatori ormai da mesi denunciano questi servizi ingannevoli. Dal canto loro, ovviamente, i gestori sostengono che le offerte sono trasparenti e chi accetta di usufruirne lo fa con cognizione di causa.


Aiuto! Un dialer

I re-router agiscono in tre modi per modificare il destinatario della chiamata: il numero di telefono del provider viene cambiato nell’accesso remoto che usiamo di solito; viene creato un nuovo accesso remoto che si attiva quando apriamo la posta elettronica o una finestra del nostro programma di navigazione; nel peggiore dei casi, il programma cambia il numero nel momento stesso in cui ci colleghiamo, per ricambiarlo a fine connessione in modo da non farci neanche sorgere il sospetto di quanto sia accaduto. Come si installano questi programmini? Beh, bisogna dire che parte della colpa è dei navigatori ingenui. Trattandosi di programmi che vanno scaricati e installati, è quasi sempre necessario avviarli manualmente. Quando, ad esempio, si naviga su siti erotici capita spesso che venga richiesto di scaricare un software autoconfigurante per la registrazione o la connessione automatica al sito.Guarda caso questo programma è proprio un re-router. Non sempre le offerte sono truffaldine: spesso i costi del servizio sono esposti chiaramente. Tocca ai navigatori stare attenti. Non sono solo i portali erotici ad adottare questo espediente. Numerosi altri siti promettono di utilizzare, solo dopo essersi registrati scaricando l’apposito programmino, servizi come l’invio di Sms, la visualizzazione di Webcam, il download di Mp3 e molto altro ancora. Considerato che quando un re-router si installa è molto complicato rimuoverlo (a volte basta eliminare l’icona della connessione dalla cartella Accesso remoto, ma in casi estremi bisogna, addirittura, reinstallare l’intero sistema operativo), è meglio tenere gli occhi bene aperti. Quando compare la finestra che ci chiede se vogliamo avviare un file .exe, da qualsiasi sito provenga, è meglio rifiutare e chiudere subito baracca e burattini. Per verificare se sul nostro computer c’è qualcosa di strano si possono compiere alcune operazioni abbastanza semplici. Innanzitutto, controllare il numero telefonico del nostro accesso remoto e, nel caso non corrisponda a quello del provider, cambiarlo manualmente. Per collegarsi a Internet è sempre meglio disattivare le opzioni di avvio automatico della connessione e lanciarla manualmente, cliccando due volte sull’accesso remoto che preferiamo, mentre i programmi che gestiscono la connessione in modo automatico sono da evitare assolutamente, perché non c’è modo di controllare, se non quando siamo già connessi e i primi euro si sono già vaporizzati, quale numero stiano chiamando.





In edicola
N° 199


Cerca nel sito