In questo numero
  Arretrati
  Speciale
 
Approfondimenti!
cambiare adsl
 
 
Pagine web più facili

Facciamolo in Php

Anche un utente alle prime armi può REALIZZARE UN SITO WEB DINAMICO RICCO DI FUNZIONALITÀ, facile da gestire e dalla grafica accattivante

Realizzare un sito che somigli al tuo portale preferito è possibile grazie agli script Php, piccoli programmi capaci di creare forum, newsletter, sondaggi, sezioni download e molto altro. Alcuni racchiudono tutte queste funzioni e permettono di dar vita dal semplice sito personale ad un complesso portale. Utilizzando questi programmi si dispone, quindi, di un sacco di funzioni avanzate gestibili comodamente da un'amministrazione che permette di cambiare i contenuti e la grafica del sito in tempi eccezionalmente veloci.

Perchè Xoops
Esistono molti script Php che permettono di creare portali. Tra tutti quelli disponibili, abbiamo scelto Xoops (www.xoops.org) per due motivi: è molto facile da installare e da usare e utilizza la programmazione, cosiddetta, orientata agli oggetti, peculiarità che lo rende particolarmente affidabile e veloce. Integra un gestore di news, un forum, la sezione dei link, quella dei download, un sistema di sondaggi, un gestore di Faq (Frequently Asked Question, ossia le domande più frequenti), la pagina dei contatti, la gestione degli utenti (con registrazione e login) ed un'amministrazione che consente di configurare il tutto. Con Xoops, inoltre, è possibile utilizzare svariati temi grafici o crearne di nuovi, impostare diverse lingue - tra cui l'italiano, l'inglese, l'arabo ed il cinese (per citarne alcune) - e aggiungere nuove funzioni tramite gli hack o i moduli supplementari.
Per installare Xoops occorrono un po' di pazienza, uno spazio Web che abbia il supporto per le pagine Php ed un database MySQL. www.altervista.org, ad esempio, offre gratuitamente, tutti questi requisiti. E' possibile utilizzarne i servizi per provare Xoops e decidere in un secondo momento, eventualmente, di comprare un proprio spazio su Internet.
Se, invece, si vuole provare Xoops in locale, vale a dire sul proprio computer offline, bisogna installare anche un Web server come Apache (www.apache.org) o IIS, il supporto al Php, scaricabile dalla pagina www.php.net/downloads.php e, infine, il database MySQL, disponibile sul sito www.mysql.org/downloads/index.html.
In questa lezione parliamo dell’utilizzo di Xoops tramite spazio Web. Se non ne hai ancora uno ed hai intenzione di realizzare prima il sito in locale, devi solo avere un po’ di pazienza. Nel prossimo numero spiegheremo passo passo come installare tutti gli strumenti che ti occorrono.
Intanto, ti anticipiamo che per gli utenti Windows il processo di installazione potrebbe risultare difficile. In questa fase, in attesa della prossima lezione, ti consigliamo di dare un’occhiata al sito freephp.html.it, dove sono disponibili ottime guide in italiano che spiegano l'installazione e la configurazione di questi programmi. Per gli utenti Linux e MacOS X, al contrario, generalmente questi software sono preinstallati e pronti all'uso.

Prima dell’installazione
In questo articolo, come detto, partiamo dal presupposto che si disponga di un sito Web con Apache, Php e MySQL, di un indirizzo Internet del tipo www.sito.it e di un Ftp del tipo ftp.sito.it (vedi Idea Web numero 36, pagina II). Andiamo per passi. Per prima cosa procurati Xoops. Per farlo basta andare all'indirizzo www.xoops.org/general/download.php e scaricare Xoops 2.0.6 RC (in formato .zip per gli utenti Windows e tar.gz per gli utenti Linux) ed il file aggiuntivo per la lingua italiana. Il primo occupa circa 2 MB e si preleva in poco più di dieci minuti con modem 56K, il secondo poco più di 100 KB. Adesso dobbiamo scompattare i file scaricati. Gli utenti Windows possono usare gli strumenti integrati all'interno di XP, oppure Winzip (disponibile su www.winzip.com), mentre gli utenti Linux possono fare ricorso a programmi come File Roller (si scarica da fileroller.sourceforge.net).
Una volta scompattato il file principale in una cartella, ad esempio “xoopsinst”, troveremo al suo interno quattro directory: “html”, “docs”, “extras” e “diff”. A questo punto bisogna scompattare il file della lingua italiana “xoops_v2_italian.zip” all'interno della cartella “html”: in questo modo la nostra lingua sarà disponibile all'interno dello script ed anche durante l'installazione.
Procediamo adesso a caricare il contenuto della cartella “html” all'interno dello spazio Web di cui disponiamo. Può essere fatto con un client Ftp, come WS_FTP LE (www.ipswitch.com/downloads/index.html) o Ace Ftp Freeware (download gratuito da freeware.aceftp.com) per Windows o gFtp (gftp.seul.org) per Linux. I dati per collegarsi al server tramite Ftp vengono forniti da chi ospita il sito. Generalmente ci si deve collegare ad un indirizzo del tipo ftp.sito.it o ftp.hoster.it, sulla porta 21, usando come nome utente e password quelli fornitici al momento della sottoscrizione del contratto (per i domini .it) o durante la registrazione (per i siti che offrono spazio gratuito).
Questa operazione potrebbe richiedere circa venti minuti con un collegamento Adsl e poco meno di un'ora con un normale modem analogico. Dopodiché possiamo eseguire l’installazione vera e propria.

Chiedi consiglio a chi ne sa di più
Esiste una vasta comunità italiana per Xoops, che fa riferimento al sito ufficiale www.xoopsit.net, che permette non solo di scaricare l'ultima versione del programma e tutta una serie di moduli aggiuntivi e temi grafici ma, cosa più importante, anche di accedere al forum per chiedere consigli e supporto a chi utilizza questo strumento.
Nei prossimi numeri spiegheremo come configurare correttamente Xoops, come modificarne la grafica e come aggiungere tante nuove funzioni.
Ovviamente se sei un tipo curioso, nell’attesa della prossima lezione, puoi provare un po’ il programma e sperimentane tutte le funzioni disponibili. E’ solo apparentemente complicato.




In edicola
N° 199


Cerca nel sito